Visualizza articoli per tag: bando

“E’ stata avviata la discussione sulla proposta di iter amministrativo che riguarda il turn over di un minimo di 500 unità per il triennio 2019-2021. In coerenza con gli impegni presi per il comparto forestazione, un importante punto di avanzamento si è determinato nella giornata odierna a seguito del tavolo forestazione con le rappresentanze delle sigle sindacali FAI Cisl, FLAI-Cgil e UILA-Uil tenutosi presso il Dipartimento Agricoltura.”

Lo rende noto l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.

“La definizione delle procedure oggi avviata – prosegue l’Assessore Braia – mantiene fede all’intesa per la tutela e la valorizzazione del patrimonio forestale regionale firmata con i sindacati nel maggio 2018 che, in particolare, ha previsto il turn over con procedure da attuarsi a partire dal 2019 e che riguarderanno circa 500 unità da assumere entro il 2021.

Sono state condivise le prime riflessioni e indicazioni operative quali, ad esempio, la divisione per Provincia delle graduatorie, la formazione al momento dell’assunzione, il rispetto dei principi indicati dalla legge 42/1998, i criteri di ammissione per le figure previste e una prima bozza di documento da implementare.

Un impegno quello del turn over che, per il costituito tavolo della forestazione coordinato dall’assessorato all’Agricoltura, rimane irrinunciabile priorità.

Un passaggio era stato già compiuto: gli uffici già nel mese di gennaio hanno inviato le linee di indirizzo al Consorzio di Bonifica per le attività 2019.

Ferma rimane quindi – conclude Luca Braia – la volontà di mantenere fede totalmente all’accordo e agli impegni presi, lavorando nelle prossime settimane per giungere alla definizione ed emanazione del bando da pubblicare entro aprile.”

Dopo tante discussioni e pressioni il “Bando RMI per i lavoratori fuoriusciti dalle platee della mobilità ordinaria ed in deroga per l’inserimento in attività idraulico-forestali” è, finalmente, stato pubblicato e, dal 15 febbraio, i lavoratori interessati possono già presentare domanda.
“Era da tempo che CGIL-CISL-UIL ponevano il tema dei lavoratori che erano stati estromessi dal mondo produttivo ed erano rimasti scoperti di Ammortizzatori Sociali essendo venuta meno la possibilità di ingresso e di proroga della mobilità in deroga. Oggi possiamo dire, con grande soddisfazione, che anche questa platea di ex lavoratori avranno la possibilità di essere inseriti in un contesto che non è un mero ambito di “limbo di attesa” e/o di assistenzialismo. Infatti, come gli altri lavoratori precedentemente inseriti nella “fascia A” del RMI, anche coloro i quali saranno inseriti nella lista dei beneficiari del progetto avranno la possibilità di riappropriarsi della dignità, perduta, di tornare ad essere lavoratori e rientrare nel mercato del lavoro attraverso l’utilizzo in attività idraulico-forestali. Parliamo di una misura già avviata nel 2018 e che sicuramente ha dato buoni risultati nonostante la consapevolezza che il tutto è migliorabile.
Ribadiamo la necessità che in regione Basilicata si dia maggiore centralità alle politiche forestali che sono anche politiche ambientali, paesaggistiche e turistiche. È giunto il momento di parlare con chiarezza di una Forestazione che può e, a nostro parere, deve diventare un vero e proprio motore dell’economia della nostra Regione, anche attraverso l’inserimento di queste nuove unità lavorative ai quali si ridà, con il percorso di cui trattasi, piena dignità sociale di lavoratori".

Le domande possono essere presentate a partire dal 15 febbraio 2019 ed il termine ultimo è fissato alle ore 12.00 del 1° Aprile 2019.
I requisiti previsti per la presentazione delle domande sono:
1. Aver compiuto il 18° anno di età e non aver raggiunto l’età pensionabile;
2. Essere residenti in Basilicata;
3. Essere fuoriusciti dalle platee dei lavoratori in mobilità ordinaria ed in deroga e non essere percettori di altre forme di sostegno al reddito;
4. Non siano titolari di assegno di invalidità civile e/o di altro trattamento pensionistico o di rendita INAIL superiore a € 400,00 mensili;
5. Non siano inabili al lavoro;
6. Presentino un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a € 15.500,00.


I cittadini in possesso dei requisiti precedenti, dovranno presentare domanda compilando il formulario di domanda presente sul portale della Regione Basilicata http:/www.regionebasilicata.it ed andando sulla voce “Avvisi e Bandi”.

Le sedi di CGIL-CISL-UIL, comunque, sono a disposizione per i chiarimenti che, nel caso, i cittadini dovranno richiedere.