Visualizza articoli per tag: CgilCislUil

CGIL CISL e UIL hanno indetto una settimana di mobilitazione per il LAVORO. Iniziative, attivi, assemblee e presidi nei luoghi di lavoro e nei territori con 3 manifestazioni/assemblee nazionali a Roma: 10, 12 e 17 dicembre a Piazza Santi Apostoli dalle 9.30 alle 12.30

Martedì, 03 Dicembre 2019 12:47

Cgil Cisl Uil per la parità

Continua la campagna di condivisione per la sensibilizzazione sulla parità di genere. La pubblicazione di questa settimana inaugura la seconda serie di manifesti dedicati agli obiettivi che il Sindacato si è posto sul tema della parità: il primo è il LAVORO, un obiettivo a cui dobbiamo essere particolarmente sensibili. E’ dal lavoro infatti che nasce la vera indipendenza delle donne.

Lavoro: la prima e più urgente emergenza per le donne nel nostro Paese. In Italia lavora una donna su due, una su tre al Sud. Molte di loro lavorano part-time, spesso involontario, con pesanti ripercussioni sui loro stipendi e, in futuro, sulle loro pensioni. Non solo: le donne soffrono una segregazione sia orizzontale (maggiormente presenti nelle professioni meno retribuite) che verticale (con una presenza che si va riducendo man mano che si sale la piramide dei ruoli aziendali).

Il nostro obiettivo deve essere portare più donne nel mercato del lavoro e migliorare la qualità dei lavori che già ci sono. E’ una questione di giustizia sociale, di equità e anche di sviluppo: come anche gli ultimi dati macroeconomici dimostrano, davvero non possiamo permetterci di lasciare inutilizzata una simile ricchezza in termini di capitale umano, competenze e professionalità.

 
Lunedì, 21 Ottobre 2019 13:23

Manifesto 2030 per il lavoro e per la Basilicata

"Manifesto per il lavoro e per la Basilicata 2030”. Proposte per una nuova fase di sviluppo della regione.

Venerdì 18 ottobre  presso il Centro per la creatività Cecilia di Tito (Potenza), è stato presentato il “Manifesto per il lavoro e per la Basilicata 2030” di Cgil, Cisl e Uil Basilicata. 
Il Manifesto racchiude le valutazioni e le proposte per aprire una nuova fase di sviluppo della regione, con una visione dinamica che ponga al centro del dibattito politico e sindacale le ragioni del lavoro e dei ceti produttivi insieme ai bisogni degli strati e delle generazioni che vivono in una condizione di precarietà. L’intendimento è di raccogliere e promuovere un confronto largo e diffuso nella comunità regionale e nel mondo rappresentato dal lavoro che approdi a un’attenzione inedita sulle cose da fare e sulle visioni di futuro della regione oltre i limiti e le contraddizioni attuali, cogliendo nuovi obiettivi di progresso e avanzamento sociale. Il documento contiene riflessioni, analisi e proposte essenziali tradotte in obiettivi e risultati attesi.
Arricchito, integrato da ulteriori apporti che deriveranno dal coinvolgimento ampio di larghi strati della realtà locale, il documento diventa una sorta di “Progetto regione ‘20-‘30” da sottoporre al confronto con il governo regionale e con istanze nazionali pubbliche e private, una base per definire nuovi programmi ed impegni realizzativi.
Al direttivo sono intervenuti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Basilicata, Angelo Summa, Enrico Gambardella e Carmine Vaccaro.

In basso la versione digitale del "Manifesto 2030" di CGIL CISl e UIL.

 

 
Giovedì, 11 Aprile 2019 18:17

1° Maggio | Festa dei Lavoratori 2019

Quest’anno la Festa Regionale del 1° Maggio si terrà a Ferrandina e sarà caratterizzata dai temi dello sviluppo, del lavoro e dell’ambiente per ridare coesione alla regione. Questa è la festa dei lavoratori, è la festa dei lavori che deve vedere tutti i lavoratori uniti per affermare la centralità del lavoro, dei diritti, della qualità del lavoro, della sicurezza sul lavoro, della solidarietà, della libertà, della democrazia, della pace.

Il percorso del corteo prevederà il concentramento dei manifestanti in Via Matteotti (Cineteatro della Valle) alle 9,30 e l’arrivo in piazza Plebiscito alle ore 11,00 per il comizio finale dei Segretari Generali di CGIL CISL UIL, Angelo Summa, Enrico Gambardella e Carmine Vaccaro.